“In qualche posto, nel suo cuore, con vecchi e nuovi colori”

arte

Cimitero di Staglieno, ingresso con i primi campi.

Il cimitero monumentale di Staglieno, nel cuore di Genova è uno dei più grandi d’Europa, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Nei primi dell’800, per cause igieniche, vennero spostati i luoghi di sepoltura fuori dalle città, anche Genova seguì le direttive di Napoleone ma solo dopo la grande epidemia di colera del 1835 che mieté moltissime vittime. Una di queste fu Carlo Barabino (Genova 1768-1835) architetto ed urbanista,al quale era stato affidato l’incarico della progettazione del cimitero.

Annunci

BOCCADASSE, sul fondo Sturla-Quarto

Boccadasse è il punto di arrivo delle passeggiate domenicali dei genovesi in Corso Italia, il bellissimo lungomare di Genova. Appena arrivati alla chiesa di Sant’Antonio si accede ad un belvedere da cui si vede lo scenario completo del borgo. Si scende una scalinata e subito si è immersi in un’Italia intima romantica che non ci si sarebbe mai aspettato in mezzo a una grande città..

foto©Aleyakke


La Cattedrale di San Lorenzo

Al centro della città, stretta fra i vicoli e le piazzette del centro storico e dedicata al martire, la cattedrale di San Lorenzo è sicuramente un simbolo di Genova. Costruita all’inizio del XIV secolo, la sua suggestiva facciata stretta fra le due torri presenta i portali nel tipico gotico locale genovese, mentre le statue dei due leoni di marmo risalenti all’Ottocento sembrano vegliare sulla famosa Cattedrale. L’interno è a tre navate divise tra loro da colonne sormontate da finti matronei di epoca gotica e da arcate romaniche. La navata centrale è rivestita interamente in marmo. Nella navata di sinistra troviamo la Cappella di San Giovanni Battista costruita nel 1465, mentre nella navata di destra si accede al Museo del Tesoro di San Lorenzo dove si possono ammirare oggetti sacri preziosi tra cui il Sacro Catino ritenuto dai cattolici il piatto usato da Gesù nell’ultima Cena.

foto©Aleyakke


Il borgo marinaro di Boccadasse

Boccadasse è il punto di arrivo delle passeggiate domenicali dei genovesi in Corso Italia, il bellissimo lungomare di Genova. Appena arrivati alla chiesa di Sant’Antonio si accede ad un belvedere da cui si vede lo scenario completo del borgo. Si scende una scalinata e subito si è immersi in un’Italia intima romantica che non ci si sarebbe mai aspettato in mezzo a una grande città..

foto©Aleyakke


Capo S. Chiara


S. Lorenzo


la targa


un’altra prospettiva di S. Brigida


Piazza dei truogoli di S. Brigida

foto©Aleyakke

Piazza Truogoli di Santa Brigida. Piazza dedicata alla Santa nelle cui vicinanze sorgevano due conventi ed una chiesa a lei dedicati.


il leone di San Lorenzo

foto©Aleyakke


mareggiata in Corso Italia

foto©Aleyakke


colori in Borgo Incrociati

colori-in-borgo-incrociati.jpg

foto©Aleyakke


case al Carmine

case-al-carmine.jpg

foto©Aleyakke


via Venti di ponente


foto©Aleyakke


piazzetta S. Elena

foto©Aleyakke


via di Pré


il Lido

foto©Aleyakke


rossoblu in Canneto Lungo

rossoblu.jpg

foto©Aleyakke


S. Lorenzo

foto©Aleyakke


piazza Lavagna

piazza-lavagna.jpg

foto©Aleyakke


Palazzo Reale a Balbi


foto©Aleyakke


Palazzi Rolli, Loggia e Banchi

foto©Aleyakke


Piazza delle cinque lampadi

Piazza delle Cinque Lampadi è uno dei più curiosi nomi delle vie medievali che si trovano nel Centro storico, è crocevia di via dei Conservatori del Mare, via di S. Pietro in Banchi, via delle Scuole Pie, vico del Filo e vicolo di Canneto il Lungo.

foto©Aleyakke


Mura della Marina


foto©Aleyakke


piazzetta a Boccadasse

foto©Aleyakke


Salita Carbonara

al-carmine.jpg

foto©Aleyakke